Piccole librerie o enormi megastore?

 

L’altra sera ho partecipato alla presentazione di un libro. L’atmosfera familiare ed accogliente mi ha ricordato quella del “Negozio dietro l’angolo” gestito con passione da Meg Ryan nello scontro con la catena dei bookstore Fox proprietà di Tom Hanks. Alla fine del film trionfavano i buoni sentimenti e da Doralice, a fine serata, ha riscosso successo un buon libro, con copie quasi esaurite. Questo in un’epoca in cui la carta sta per essere sorpassata del digitale. La concorrenza portata dai tablet influisce su di un mercato in crescita anche in Italia, pur se il fatturato ancora non compensa la flessione dei lettori. I titoli elettronici triplicano in numero e formato, ma già si fa evidente la progressiva concentrazione della vendita di ebooks nelle mani dei global players come Amazon, Google, Apple, Kobo. La loro quota di mercato è dell’80%.

Altro che lotta tra piccole, deliziose, librerie e famelici megastore. Perciò ci si preoccupa d’individuare nuove strade e nuovi canali. Ma la tecnologia, come già avvenuto per la lotta degli anni Settanta tra stampa a caldo e a freddo, si evolve con soluzioni inattese. Un inchiostro a base di nanoparticelle di grafene sarà in grado assumere interattività al tocco. Se le sperimentazioni troveranno conferma, ne conseguirà che libri e giornali di carta, sostituendo il vecchio col nuovo inchiostro conduttivo, potrebbero diventare meravigliosamente interattivi. Sfiorati con un tocco si accederà a contenuti multimediali visualizzati su tablet e smartphone collegati via Bluetooth. Con buona pace di tradizionalisti e innovatori, a vincere saranno i libri.

logo4

About the author: Sergio Bertolami

Leave a Reply

Your email address will not be published.