Friedrich Froebel inventore del kindergarten 1/3

 

Friedrich Froebel è stato un pedagogista tedesco. Nato in Turingia, visse tra il 1782 e il 1852. La madre morì quando aveva appena nove mesi; probabilmente fu proprio la mancanza d’affettuose cure nel periodo infantile che lo spinse ad interessarsi dell’educazione dei bambini. Fu definito il pedagogista del romanticismo, noto perché ha creato una serie di attività legate al gioco, espresse per la prima volta in un libro rimasto famoso, intitolato “Educazione dell’uomo” (1826).

Nel 1837 ideò un concetto nuovo, quello di giardino d’infanzia, cioè un luogo dove i bambini avrebbero potuto sviluppare le proprie potenzialità. Nacque così il kindergarten, la scuola per l’infanzia. A suo avviso, la rivelazione del mondo esterno nasceva dalla scoperta del proprio mondo interiore, che si poteva esprimere attraverso il gioco.

Perno educativo è il cortile della scuola, meglio ancora il giardino. Questi giardini erano fondamentali per mettere a contatto il bambino con la natura. Vi si potevano fare degli esercizi ginnici, oltre che giochi. Le lezioni svolte all’aperto, quando il clima non lo permetteva, potevano continuare anche all’interno, nelle sale attrezzate ad accogliere le classi.

L’attività quotidiana prevedeva
1. la coltivazione del giardino,
2. la ginnastica, ma anche
3. esercizi di lettura di scrittura,
4. disegni,
5. conversazioni riguardanti le scienze e la geografia,
6. canti soprattutto religiosi.

Ma per i più piccoli Froebel pensò ai Gifts (doni), perché giocando i bambini potessero esplorare il mondo intorno a loro, esprimere la propria creatività e i propri pensieri. Si dividono in cinque categorie importanti:

  • solidi,
  • superfici,
  • linee,
  • punti,
  • linee-e-punti.

Sono oggetti di piccole dimensioni, per esprimere una sorta di mondo in miniatura, che i piccoli possono manipolare con fantasia.

Fonte dell’immaginefroebel galleries

About the author: Redazione Experiences