Alexandre Cabanel nel suo studio di Paris (1885)

 

Vi siete mai chiesti dove vivono la propria creatività gli artisti? Lo studio in cui operano è importante, può dirci molto della loro personalità. Proveremo dunque a raccogliere immagini e a riproporvele. Iniziamo, dunque, con una carrellata retrospettiva che parte con l’Ottocento e giunge ai nostri giorni.

Oggi facciamo visita ad Alexandre Cabanel. Pensate: nel 1863, l’anno in cui il famoso quadro di Manet intitolato Colazione sull’erba trovava posto nel Salon des Refusés destando scandalo per la sua immoralità, La nascita di Venere di Cabanel era accettato nel Salon ufficiale, riscontrando grandi elogi. Ma chi era Cabanel?

“Fu pittore di storia, di genere e ritrattista: conteso dai collezionisti d’Europa e d’America, richiesto come ritrattista, fu nemico del Naturalismo e dell’Impressionismo, e fu attaccato da Émile Zola e da tutti coloro che difendevano la necessità di un’arte meno soave e più realista. Il collega Édouard Manet lo disprezzava, tanto che le sue ultime parole prima di morire furono “Sta bene, quello!”, riferendosi proprio a Cabanel”. Continua su Wikipedia.

 

About the author: Redazione Experiences