Il procedimento per la curvatura del legno

 

Tecnica di piegatura del legno


[3/4]

Michael Thonet fu un vero e proprio precursore dell’industrializzazione moderna. Il nuovo procedimento incentrato sulla curvatura del legno evitava di sagomare i singoli elementi componenti la struttura delle sedie al fine di poterli incastrare e incollare tra di loro i giunti a tenone e mortasa. L’innovazione consisteva nell’inumidire elementi di legno (preferibilmente faggio fresco, ricco di linfa) così da rendere la piegatura più semplice. Questi elementi erano inseriti in casseforme metalliche e, quindi, lasciati essiccare al vapore facendo assumere la forma desiderata.

Tutto ciò permetteva economie di tempo e di lavoro, quest’ultimo affidato a maestranze non specializzate. Gli elementi in faggio curvato venivano finiti ed assemblati fra di loro con delle semplici viti a vista. Questa tecnica consentiva perciò di produrre i mobili in serie, di spedirli smontati per nave o ferrovia e assembrarli soltanto giunti a destinazione. Tutto ciò con un abbattimento notevole dei costi di produzione e di trasporto. L’idea quindi consentiva la realizzazione di un kit di montaggio, che permise di cambiare il modo di concepire mobili a basso costo, poiché alle sedie si aggiunse tutto il resto della ricca produzione in catalogo. Le forme che ne derivavano, a differenza della tecnica di produzione, tuttavia non erano per niente innovative, dato che in realtà erano simili alla produzione eclettica dell’epoca, incentrata prevalentemente sullo stile Biedermeier. Questo stile, in voga tra la borghesia tedesca e austriaca nel periodo tra il 1815 ed il 1848, nacque in contrapposizione al ricco Stile Impero, assecondando e facilitando la produzione industrializzata. Per tale motivo il termine Biedermeier era utilizzato in senso dispregiativo, infatti è composto dall’aggettivo bieder cioè semplice, e da uno dei cognomi tedeschi più comuni come Meier: come a dire “mobili che piacciono tanto da essere acquistati dal quel sempliciotto del signor Meier”.

 

About the author: Redazione Experiences