Honoré Daumier – Il vagone di terza classe

 

Honoré Daumier, Il vagone di terza classe, 1862, olio su tela, 67 × 93 cm, National Gallery of Canada, Ottawa
Honoré Daumier (Marsiglia, 26 febbraio 1808 – Valmondois, 10 febbraio 1879) è stato un pittore, scultore, litografo e caricaturista francese. È noto soprattutto per le sue vignette di satira politica realizzate con la tecnica litografica.

Il vagone di terza classe

La rappresentazione di una condizione sociale umile e poco presa in considerazione dallo Stato è realizzata dall’artista con uno stile drammatico che anticipa i futuri indirizzi della pittura espressionistica di Munch, Ensor, Kirchner e di Egon Schiele. Le figure vengono ritratte in un vagone ferroviario di terza classe, tutte ammassate sulle dure panche di legno, con i finestrini solo da un lato (che lasciano appena intravedere un cielo livido) e lo sguardo perso nel vuoto, evidentemente rassegnate al loro destino di povertà e sofferenza. Ma oltre ai lavoratori, dei quali si intercetta idealmente la fatica, i borghesi si mostrano, in netta contrapposizione con le altre figure, con la loro arroganza, indifferenza e inimicizia, sottolineando così il netto divario tra deboli (madri di famiglia, poveri operai e bambini stanchi) e potenti (ricchi imprenditori), concetto metaforico e reale che emerge dal dipinto. Particolare risalto viene dato alla vecchia in primo piano, vero e proprio centro visivo e compositivo del quadro: è abbigliata con un mantello e ripone le proprie mani ossute sul manico del paniere sul suo grembo. La sua espressione è stanca e segnata, e lascia emergere con violenza la sua povertà materiale e spirituale. Persino il giovane ragazzo sulla destra, addormentatosi cullato dallo sferragliare del vagone, sembra avere una vita segnata dall’infelicità.

CONTINUA LA LETTURA SU WIKIPEDIA

About the author: Redazione Experiences