Claude Monet – Impressione, levar del sole

Claude Monet, Impression, olio su tela, 1872, Musée Marmottan Monet, Paris
Claude-Oscar Monet (Parigi, 14 novembre 1840 – Giverny, 5 dicembre 1926) è stato un pittore francese, considerato uno dei fondatori dell’impressionismo francese e certamente il più coerente e prolifico del movimento.

Impressione, levar del sole

La critica accolse l’opera del pittore, poco più che trentenne, in modo impietoso. Il messaggio di Monet non venne affatto compreso, e le sue scelte, consapevoli e coraggiose, vennero invece fraintese come un’offensiva trascuratezza pittorica. Tra gli esegeti più feroci vi fu certamente Louis Leroy, il quale per criticare la nuova maniera impiegata dalla «società anonima» immaginò in un articolo di visitarne la mostra insieme ad un immaginario, pluridecorato pittore accademico: « Gettai un’occhiata all’allievo di Bertin, il cui volto era adesso di un rosso cupo. Ebbi il presentimento di una catastrofe imminente; doveva essere Monet a dargli il colpo finale. “Ah, eccolo, eccolo!” esclamò dinanzi al n. 98. “Che cosa rappresenta questa tela? Guardate il catalogo”. “Impressione, sole nascente”. “Impressione, ne ero sicuro. Ci dev’essere dell’impressione, là dentro. E che libertà, che disinvoltura nell’esecuzione! La carta da parati allo stato embrionale è ancor più curata di questo dipinto”. Ma che avrebbero detto Bidault, Boisselier, Bertin, dinanzi a questa tela importante?” “Non venitemi a parlare di quegli schifosi pittorucoli!” urlò il povero Vincent. L’infelice rinnegava i suoi dèi […]. Il vaso, alla fine, traboccò. Il cervello classico del vecchio Vincent, assalito da troppe parti insieme, venne sconvolto del tutto Si fermò dinanzi al custode che vigila su tutti quei tesori e, prendendolo per un ritratto, cominciò a farne una critica alquanto rigorosa: “Ma quanto è brutto!” fece, alzando le spalle. “In faccia ha due occhi, un naso e una bocca. Non sono di sicuro gli impressionisti che si sarebbero lasciati andare in tal modo al particolare. Con tutte le cose inutili che il pittore ha sprecato in questa faccia, Monet avrebbe fatto almeno venti custodi”».

CONTINUA LA LETTURA SU WIKIPEDIA


About the author: Redazione Experiences