Fotografia, Reggio Emilia: Benedetta Casagrande vincitrice del premio Luigi Ghirri

Con il suo progetto l’artista milanese si interroga sulle modalità con cui entriamo in relazione con gli altri animali, sullo spazio che essi occupano nel nostro immaginario personale e collettivo e sulla possibilità di costruire nuove forme di parentela e di intimità in un contesto di estinzione di massa. A Claudia Amatruda è stata attribuita la menzione speciale “Nuove Traiettorie. GFI a Stoccolma” promossa dall’Istituto Italiano di Cultura di Stoccolma. La giuria internazionale dell’open-call di GiovaneFotografia Italiana ha inoltre assegnato alcune residenze e borse di studio promosse in collaborazione con Photoworks con Dalby Forest e Fotofestiwal Łódź.

Giovane Fotografia Italiana #11 | Premio Luigi Ghirri 2024 

A PALAZZO DEI MUSEI DOMENICA 28 APRILE LA PREMIAZIONE: BENEDETTA CASAGRANDE È LA VINCITRICE DEL PREMIO LUIGI GHIRRI

Palazzo dei Musei, a Reggio Emilia, in occasione della terza giornata inaugurale (domenica 28 aprile) della mostra Contaminazioni di Giovane Fotografia Italiana #11, che raccoglie, per la cura Ilaria Campioli e Daniele De Luigi, i progetti fotografici di Claudia Amatruda (Foggia,1995),Benedetta Casagrande (Milano, 1993), Noemi Comi (Catanzaro, 1996),Massimiliano Corteselli (Tivoli,1994),Camilla Marrese (Bologna, 1998), Cinzia Romanin (Bruxelles, 1995), Alessandro Truffa (Cuorgnè, Torino, 1996), tanti giovani e appassionati si sono dati appuntamento per assistere all’assegnazione del prestigioso premio dedicato a Luigi Ghirri.

Alla premiazione hanno partecipato Valentina Galloni, direzione dei Servizi Culturali del Comune di Reggio Emilia, e i sostenitori e sponsor di questa edizione di Giovane Fotografia Italiana: Fausto Papa amministratore delegato di Reire srl che accompagna il progetto sin dai suoi esordi e Martina Miselli per il Gruppo Giovani Imprenditori Unindustria Reggio Emilia.

Il Premio Giovane Fotografia Italiana | Premio Luigi Ghirri, del valore di 4000 euro, che comprende anche la prestigiosa opportunità di presentare nel corso del 2025 una mostra personale negli spazi di Triennale Milano, è statoassegnato da una giuria composta da Giovanna Calvenzi per Triennale Milano, Alessandro Dandini de SylvaPaola De PietriAdele Ghirri per l’archivio eredi Luigi Ghirri, Luce Lebart, membro della direzione artistica di Fotografia Europea, alla fotografa milanese Benedetta Casagrande, con il progetto “All Things Laid Dormant” con la seguente motivazione: “per l’utilizzo consapevole del linguaggio fotografico, per la scelta di rivolgere lo sguardo verso microcosmi ai quali siamo interconnessi in modo invisibile e spesso inconsapevole. Per aver affrontato l’ambiguità dell’immagine fotografica in modo coerente e poetico”.

Nel suo lavoro Benedetta Casagrande si interroga sulle modalità con cui entriamo in relazione con gli altri animali, sullo spazio che essi occupano nel nostro immaginario personale e collettivo e sulla possibilità di costruire nuove forme di parentela e di intimità in un contesto di estinzione di massa. Articolandosi attraverso una serie di incontri con il mondo non-umano, mediati dall’implicita ambiguità della fotografia come mezzo che simultaneamente agevola e ostacola il contatto, “All Things Laid Dormant” è al contempo un’ode e un lamento, un atto di amore e una espressione di cordoglio che incarna la sofferenza del lutto e il desiderio di ritrovare un luogo e un senso di appartenenza nel contesto fragile del nostro tempo.

Benedetta Casagrande è una fotografa, scrittrice e curatrice che vive a Milano. La sua pratica artistica, curatoriale e di scrittura si dispiega attraverso la slow research (letteralmente tradotta in ricerca lenta, termine coniato da Carolyn F. Strauss); la lentezza come principio di ascolto, di decelerazione e di riposizionamento rispetto al mondo, compresa come metodo per situare l’esperienza umana all’interno di reti di relazioni, spazi e temporalità più ampie. In quanto fondamentalmente basata sull’incontro con il mondo, la fotografia è il suo mezzo prediletto per entrare in relazione con l’ambiente circostante e con i suoi elementi animali, vegetali e oggettuali, attraverso movimenti di prossimità e distanza, presenza e assenza, il contatto e la sua perdita. Il suo lavoro è stato esposto in mostre nazionali e internazionali, tra cui Photo Brussels Festival, 2024; ADI Design Museum, Milano, 2023; 副本INSTANCE, Shanghai, 2021 e Photo Ireland Festival, 2019. Dal 2016 è co-fondatrice e co-direttrice di Ardesia Projects.

La giuria internazionale ha inoltre assegnato menzioni speciali, residenze e borse di studio ai giovani artisti che partecipano alla mostra. Francesco Di Lella, direttore IIC Stoccolma ha assegnato la menzione speciale “Nuove traiettorie. GFI a Stoccolma“, che offre la possibilità a uno tra i finalisti di svolgere una residenza d’artista nella capitale svedese e realizzare una mostra a cura dello stesso Istituto, a Claudia Amatruda e al suo progetto “Good Use Of My Bad Health” in cui mette al centro il suo corpo e le sue trasformazioni per sfidare le categorie tradizionali e binarie come uomo/donna, naturale/artificiale effettuando una serie di sperimentazioni attraverso lo strumento visuale.

Julia Bunnemann, curatrice Photoworks, Brighton ha attribuito le residenze d’artista immersive ed ecologiche della durata di una settimana nel cuore della Dalby Forest, a Camilla Marrese che ha presentato il progetto dal titolo “Field Notes For Climate Observers” e ad Alessandro Truffa con “Nioko Bokk”.

Krzysztof Candrowicz, direttore artistico Fotofestiwal Łódź ha assegnato tre borse di studio a Noemi Comi con “Proxidium”, Massimiliano Corteselli con “Contrapasso” e Cinzia Romanin con “Transcendence” grazie alle quali potranno partecipare al programma di letture portfolio Photo-Match nell’ambito di Fotofestiwal Łódź in Polonia.

La mostra Contaminazioni è visitabile a Palazzo dei Musei dal 30 aprile al 9 giugno: nei seguenti orari: venerdì, sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 20 a ingresso libero.

È inoltre possibile partecipare alla visita guidata gratuita in programma sabato 4, 11, 18, 25 maggio e 8 giugno alle ore 11.30.

Giovane Fotografia Italiana #11 | Premio Luigi Ghirri 2024 è promossa da Comune di Reggio Emilia – Servizi Culturali in partnership con Istituto Italiano di Cultura di Stoccolma e Triennale Milano. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con GAI – Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani, Fotografia Europea; Fotodok, Utrecht; Fotofestiwal Łódz in Polonia; Photoworks, Brighton e vede il contributo di Reire srl che affianca Giovane Fotografia Italiana dalle prime edizioni. Sponsor Gruppo Giovani Imprenditori Unindustria Reggio Emilia. Il progetto GFI#11 | Premio Luigi Ghirri 2024 è realizzato grazie ai Fondi europei della Regione Emilia-Romagna.


UFFICIO STAMPA E ATTIVITÀ SOCIAL
Patrizia Paterlini con Andrea Mattia
Comune di Reggio Emilia Servizio Servizi Culturali – Comunicazione
Piazza Casotti, 1/c – 42121 Reggio Emilia Tel. +39 0522 456 532 / + 39 348 8080539
patrizia.paterlini@comune.re.it andrea.mattia@comune.re.it
https://gfi.comune.re.it   Facebook Instagram culturareggioemilia

About the author: Experiences