Milano, Galleria Lampo: l’immaginario poetico di Sofia Uslenghi

Ha aperto al pubblico la mostra personale di Sofia Uslenghi: un viaggio poetico e coinvolgente in un universo fatto di suggestioni ipnotiche, suoni naturali e odori della memoria.

Negli spazi industriali della Galleria Lampo – Scalo Farini di Milano, le storie si mescolano a ricordi antichi e impressioni profonde. E la fotografia, tra tempi lunghi, esposizioni multiple e distorsioni ottiche, districa lentamente grovigli identitari.

Mani che nascondono il volto, che inquadrano in uno scatto fotografico piccole nostalgie ed irrisolte inquietudini.
E poi occhi. Che osservano, che interiorizzano, che cercano uno spazio cui appartenere.
Infine, corpo. Corpo che si apre allo sguardo neutro e puro dell’obiettivo. 
Che si sovrappone a paesaggi e persone, che si trasforma, che si eleva.

CASA/TERRA/IO
mostra personale di Sofia Uslenghi

a cura di Nicolas Ballario

Galleria Lampo – Scalo Farini
via Valtellina 5 – Milano
9 maggio – 3 giugno 2024

Gli autoritratti di Sofia Uslenghi, protagonisti della mostra personale dell’autrice, ospitata dal 9 maggio al 3 giugno alla Galleria Lampo di Milano, ci guidano in un universo fatto di suggestioni ipnotiche, suoni naturali e odori della memoria. 
Un immaginario poetico dove le storie si mescolano a ricordi antichi e impressioni profonde. E la fotografia, tra tempi lunghi, esposizioni multiple e distorsioni ottiche, districa lentamente grovigli identitari.

Sofia Uslenghi nasce a Reggio Calabria, metà famiglia di Gerace e metà di Messina. Dopo aver trascorso l’infanzia sullo Stretto, da adolescente si trasferisce a Brescia, poi a Parma, dove frequenta l’università. E infine Milano. Ma è nella terra d’origine, nei suoi colori e profumi, tra l’erba secca e il finocchietto selvatico, che cerca e trova ancora le sue radici.

Dal primo progetto fino ai più recenti scatti, parte di un’opera ancora in fieri, CASA/TERRA/IO è un viaggio alla scoperta dell’autrice, del suo paesaggio interiore e dei suoi lavori.

L’allestimento evoca il nomadismo malinconico che ha finora caratterizzato la sua vita, ricostruendo alcuni interni domestici, dove mobili di recupero o disegni stilizzati a muro e sul pavimento vogliono riportare chi osserva in una sorta di intimità ricreata, in quella solitudine tanto necessaria all’artista per la creazione. Sulle pareti, finti fondali identificano lo spazio dove nasce l’autoritratto e, da un ambiente all’altro, tappa dopo tappa, percepiamo l’evolversi della sua figura e della sua arte. La vediamo tra le piccole cose che mancano, tra i vuoti d’aria del suo girovagare da una casa all’altra, nel suo cercarsi per trovare, infine, nella fotografia lo strumento che unisce i puntini sospesi, supera gli spazi fisici e va oltre il reale. Ogni ambiente accoglie uno dei lavori della fotografa, a partire dal suo primo progetto, Flora, a My grandma and I (Nonna), Maps, Earth-Diptychs fino ai più recenti autoritratti.

Nel primo lavoro, Flora (2015-2016), gli occhi sono quasi sempre chiusi, in un bianco e nero leggero ed evocativo, in cui la figura viene sovrapposta, quasi nascondendosi, a immagini di elementi botanici e floreali; l’autrice ricrea in questa serie un’estetica rilassante e silenziosa, lontana da una narrazione urlata e prepotente in cui rifiuta di riconoscersi, riflettendo un’immagine di sé – apparentemente – rasserenata nel contatto con la natura e nel superamento di una visione stereotipata del corpo e della sua esibizione.

My grandma and I (Nonna) (2016) è uno dei quattro progetti della fotografa legati alla memoria famigliare e del territorio, dopo Homesick e prima di Maps e Earth-Diptychs. In una scatola di vecchie fotografie di famiglia, l’autrice ritrova alcuni scatti che ritraggono la nonna Isabella, scomparsa all’età di 68 anni. Nella sua figura, apparsa in sogno più volte, quasi a ricucire uno strappo irrisolto, e nella casa di famiglia di Gerace frequentata durante l’infanzia, Sofia Uslenghi trova il filo che ricostruisce la sua storia, il senso di appartenenza ad una comunità e, non da ultimo, le sue radici più profonde. Negli autoritratti della serie l’immagine dell’autrice si sovrappone a quella della nonna, ripresa sorridente al Lido di Reggio, sul balcone o durante una gita in barca. Nei luoghi della memoria, il bianco e nero riunifica e rappacifica. 

“Il girovagare è ormai parte della mia esistenza. Negli anni in cui ho iniziato a fotografarmi e a sovrapporre la mia immagine a quella dei luoghi della mia infanzia stavo realizzando la mancanza di radici. Mi sono resa conto che mi mancava un pezzo. Ed è il motivo per cui quando torno a Gerace mi sento a casa anche se non ci ho mai vissuto. Mi viene da usare il verbo tornare e non andare perché ho sentito che le mie radici fossero lì. E questa per me è una certezza rassicurante. Il sapere che esiste un luogo nel mondo in cui ci sono dei fili che ricostruiscono una storia, una comunità che ti riconosce in una qualche misura l’appartenenza.” 

In Maps la relazione con il territorio di origine è espressa con un’estetica più soffusa e un’ispirazione pittorica. Le opere sono il risultato della sovrapposizione di autoritratti con screenshots di immagini satellitari degli ambienti esterni dove la fotografa ha trascorso i primi anni di vita. Il colore – presente anche in forma di macchie sul corpo – suggerisce nuove stratificazioni: la ricerca dei paesaggi predilige strisce di terra (dalle fiumare caratteristiche della zona calabrese al nero dell’Etna) e i passaggi delle correnti del mare, che lo trasformano dall’alto da blu intenso a verde e ad azzurro. 

Nell’ultimo progetto legato alla memoria del territorio e alle radici, Earth-Diptychs, la relazione con la natura calabro-siciliana è indagata in un modo differente. La sovrapposizione lascia il posto ad una sorta di dialogo a distanza tra l’autrice e il paesaggio: l’opera, come un canto a due voci, accosta gli autoritratti ad immagini tratte da Google Street View, strumento che consente di esplorare i luoghi senza essere fisicamente presenti. Dall’Aspromonte all’Etna, da Salina a Cammarata, dalla Limina a Palermo, la narrazione si fa accettazione della separazione.

Infine, il lavoro più recente è un atto di astrazione dalla realtà, un intervento di matrice surrealista, attraverso un processo tecnico ed espressivo di solarizzazione. “Voglio sparire, voglio vibrare”, dice l’autrice, che pare svanire a poco a poco, persa tra paesaggi onirici in bianco e nero e distorsioni liberatorie, trovando, forse, nella visione totalizzante dell’arte la giusta distanza dal sé e quell’equilibrio tanto anelato.

I’m looking for something I don’t find, I want to run away from reality, multiply it and make it even more inaccessible.

La mia necessità di fotografarmi non mi è ancora del tutto chiara e in un qualche modo, più vado avanti, più scopro nuove motivazioni. Inizialmente lo slancio è stato sicuramente relativo alla questione del mio corpo, del riuscire a guardarmi in uno spazio protetto dai giudizi, dai canoni, dalle critiche, dalle intromissioni esterne, richieste o non richieste che fossero. Poi ho esplorato alcune mancanze che sentivo, nei confronti della comunità di nascita o delle persone della mia famiglia, dello sradicamento e della questione nord verso sud. Ora sono in un’altra fase ancora: anni complicati, strada incerta davanti, poca chiarezza di chi sono e cosa ci faccio qui, e quindi c’è in corso un nuovo progetto che spero che come gli altri mi faccia da mezzo di trasporto per nuove consapevolezze, e – forse anche stavolta – lo scoprirò strada facendo, il motivo per cui sto fotografando in questo modo e cosa voglio dire.” 

Sofia Uslenghi nasce nel 1985 a Reggio Calabria, metà famiglia di Gerace e metà di Messina. Trascorre l’infanzia sullo Stretto e l’adolescenza a Brescia, frequenta l’università a Parma, vive ora a Milano. 

Inizia a fotografare a vent’anni scoprendo poi che la fotografia è il suo mezzo per indagare, ricostruire e riconciliare la sua storia personale. 

Si concentra sull’autoritratto, lavorando sulle sovrapposizioni e gli strati di fotografie che tengono uniti pezzi della sua storia e di quella della sua famiglia, dei suoi luoghi di origine e delle persone che ne hanno fatto parte.

Usa le mappe, pezzi di fotografie satellitari, screenshot di Google Street View, tutti gli strumenti che servono per tornare virtualmente dove è nata e dove sente di aver lasciato un pezzo. Continua a spargerne in giro ogni volta che decide di cambiare casa e città. 

Si muove iperattiva e la fotografia tiene insieme tutti i pezzi.

Nel 2011 espone al PUC di Parma il lavoro sulle periferie della città “Parma. Paesaggi urbani”.

Nelle edizioni del 20112013 e 2014 viene menzionata dalla critica dei Sony World Photography Awards.

Nel 2015 espone una sua prima selezione di autoritratti presso la galleria Gusmeri Fine Art di Brescia.

Nel 2017 espone presso la galleria Due Piani di Pordenone una selezione di autoritratti curata da Benedetta Donato.

Nel settembre 2017 viene selezionata da Giuseppe Violetta tra le nuove proposte rappresentate da Heillandi Gallery, con la quale partecipa all’edizione 2017 di Wopart di Lugano e al Mia Photo Fair nel marzo 2018.

Da settembre 2018 è presente tra gli artisti di Galleria Valeria Bella, Milano.

Nel 2019 è presente tra gli artisti esposti al Mia Photo Fair di Milano, a Photo London e a The Phair di Torino.

Nel 2020 viene presentata una sua mostra personale alla Galleria Valeria Bella.

Partecipa alle edizioni 2021 e 2022 di Paris Photo.

Nel 2022 partecipa alla mostra collettiva Fotografe! a Villa Bardini (Firenze) curata da Emanuela Sesti e Walter Guadagnini, promossa dalla Fondazione Alinari per la Fotografia e dalla Fondazione CR Firenze.

Nel 2023 Sky Arte presenta un documentario dedicato al suo lavoro, per la regia di Francesco Raganato. 

L’episodio, dal titolo Ritorno a casa, è dedicato alla sua storia e alla sua ricerca e va in onda – in prima visione – martedì 3 ottobre 2023. È disponibile per la visione su Now Tv e Sky Arte. 

Nel 2024 partecipa alla mostra IDENTIKIT. La potenza dell’identità al MUDEC di Milano, insieme a Marco Craig, Maurizio Galimberti, Fabrizio Spucches, Tarin e Vito Margiotta



La mostra, aperta al pubblico dal 9 maggio al 3 giugno 2024, sarà visitabile dalle 11.00 alle 20.00 – martedì chiuso.
L’ingresso è gratuito su prenotazione, scrivendo a galleria@lampomilano.it.

Ufficio stampa 
press.sofia.uslenghi@gmail.com
Barbara Fazzi   
Anna Nosari

About the author: Experiences