Vicenza: Cinque concerti con i giovani talenti delle Settimane Musicali

L’edizione numero trentatrédelle Settimane Musicali di Vicenza comincia dai giovani. Dopo la tredicesima edizione del Concorso Pianistico Nazionale “Premio Lamberto Brunelli” che si è concluso il 14 aprile con la vittoria della pianista giapponese Rikako Tsujimoto, il primo concerto in cartellone del festival sarà sabato 25 maggio alle ore 18.00 in Odeo del Teatro Olimpico con il primo dei cinque appuntamenti di “Progetto Giovani”; un festival nel festival dedicato ai talenti della tastiera e formazioni cameristiche già affermate in concorsi nazionali e internazionali.

Si confermano le collaborazioni prestigiose con lo stesso Premio Brunelli, il Bando Guglielmo destinato a giovani Duo violino e pianoforte in memoria del grande concertista e didatta e con prestigiose istituzioni come l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e la Fondazione Accademia di Pinerolo e Torino. Ma è anche l’occasione di ascoltare autori che non sono frequenti nei programmi concertistici come il catalano Federico Mompou (1893-1987), oppure Ottorino Respighi in versione cameristica (Cinque Pezzi per violino e pianoforte) accanto, naturalmente, a caposaldi del repertorio: da Liszt a Brahms, da Schumann a Debussy.

XXXIII Settimane Musicali al Teatro Olimpico 2024
Prima il silenzio, poi il suono, o la parola.


Cinque concerti con i giovani talenti delle Settimane Musicali
Sabato 25 maggio il talentuoso pianista Francesco Maria Navelli inaugura la rassegna“Progetto Giovani” delle Settimane Musicali:un festival nel festival dedicato ai talenti più promettenti nel panorama musicale contemporaneo

Ad inaugurare la rassegna sabato 25 maggio, alle ore 18.00 in Odeo del Teatro Olimpico sarà Francesco Maria Navelli, brillante pianista proveniente dall’Alta Formazione dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Il programma scelto tesse un intreccio eclettico e contrapposto che spazia dalla sensualità mediterranea delle opere di Mompou e Debussy, alla vivace tarantella napoletana di Liszt, per finire con i maestosi preludi op.23 di Rachmaninov che evocano le fredde sfumature della Russia.

Sabato 1° giugno alle ore 18.00 l’Odeo del Teatro Olimpicosarà illuminato da Jakob Aumillervincitore del XII Premio Lamberto Brunelli 2023. In programma una tra le pagine più importanti della letteratura pianistica: il Carnaval op. 9 di Robert Schumann, una galleria di ritratti fantastici costruito sul principio della variazione basato sulle quattro note (La, Mi bemolle, Do, Si). La seconda parte del recital è dedicata a Sergej Rachmaninoff: dopo una raccolta di tre composizioni brevi, Aumiller eseguirà la Sonata no. 2 in si bemolle maggiore op. 36 opera di grande complessità armonica e musicale.

A seguire domenica 2 giugno alle ore 18.00 l’Odeo del Teatro Olimpico ospita il Duo AlphaOmega, composto da Pasquale Allegretti Gravina al violino e Livia Zambrini al pianoforte, vincitori del Bando Guglielmo 2023. Il duo alterna pagine di compositori italiani, i 5 Pezzi di Ottorino Respighi e Improvviso di Nino Rota, in contrasto alle suggestioni del suono di Claude Debussy e la grandiosa Sonata in La maggiore n.1 di Gabriel Fauré, capolavoro del repertorio per violino e pianoforte.

“Progetto Giovani” prosegue sabato 8 giugno ore 18.00 all’Odeo del Teatro Olimpico con Giacomo Menegardivincitore del prestigioso XXXIX Premio Venezia 2023. In programma musiche di Brahms, Debussy e Liszt: bellissime pagine di musica che spaziano dal pieno romanticismo all’impressionismo musicale legate da un argomento comune, ovvero l’ispirazione ai paesaggi, sia concreti e reali che immaginari e fantastici.

Chiude la rassegna il concerto di domenica 9 giugno alle ore 18.00 a Palazzo Chiericati con il duo Aka, vincitori dell’International Chamber Music Competition 2023, il prestigioso concorso di musica da camera organizzato dalla Fondazione Accademia di Musica di Pinerolo e Torino. Seina Matsuoka al violino e Yuto Kiguchi al pianoforte presentano un programma molto articolato tra stili ed epoche: dal salottiero Syncopation del grande violinista Fritz Kreisler, alla Sonata n.3 di Ludwig van Beethoven, dall’interessante scrittura dell’Andante del polacco Milosz Magin, ai Two Songs without words del russo Mieczyslaw Weinberg.

Le Settimane Musicali al Teatro Olimpico si avvalgono della collaborazione di enti istituzionali quali, il MIC-Ministero della Cultura, il patrocinio della Regione del Veneto e del Comune di Vicenza. Sono inoltre sostenute da Banca Mediolanum, Fineco, Digitec, Fondazione Roi, Banca delle Terre Venete, Veronica e Dominique Marzotto, Famiglia Brunelli, Sanmaro Informatica, BDF Digital, Massignani & C., Tomasi, Fondazione Musicale Omizzolo – Peruzzi, Casa del Blues, Iiriti, Yamaha, Forma, Aries, The Glam Boutique Hotel, Musei Civici Vicenza, Teatro Comunale Città di Vicenza, Conservatorio Arrigo Pedrollo.

Media Partner: Il Giornale di Vicenza e VCR | Venice Classic Radio.

Anche quest’anno le Settimane Musicali al Teatro Olimpico confermano la plurale vocazione del Festival e le molteplici collaborazioni con realtà istituzionali e associative. Proficue collaborazioni a livello artistico sono in atto con il Conservatorio Arrigo Pedrollo di Vicenza, in particolare per la coproduzione  del concorso pianistico nazionale intitolato alla figura di Lamberto Brunelli; con gli Amici della Musica di Firenze, gli Amici della Musica di Padova, la  Fondazione Accademia di Musica di Pinerolo e Torino e con Asolo Musica per l’inserimento del vincitore del Premio Brunelli nella loro programmazione artistica; con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia per un concerto   dedicato a turno al miglior allievo dei corsi di violino, violoncello, pianoforte e canto; con la Fondazione Accademia di Musica di Pinerolo e Torino per i vincitori dell’ICM e con diverse realtà territoriali tra cui il Liceo Don Giuseppe Fogazzaro, Musei Civici e Gallerie d’Italia – Vicenza


Contatti Organizzazione:
SMTO
pubblicherelazioni@settimanemusicali.eu
www.settimanemusicali.eu
 
Ufficio Stampa:
Studio Pierrepi  
Alessandra Canella
canella@studiopierrepi.it
www.studiopierrepi.it

About the author: Experiences