A Catania, presso Onirica Spazio Creativo, “Endemica” fotolibro di Carmen Cardillo

Abbiamo piacere di condividere l’evento che vedrà la presentazione del libro fotografico dell’artista Carmen Cardillo, giorno 16 Maggio alle 18.30 presso Onirica Spazio Creativo di Catania. Insieme all’autrice interverranno i fotografi Carmelo Nicosia e Roberta Baldaro.

Presso Onirica Spazio creativo, via ingegnere 34, Catania, verrà presentato il libro fotografico “Endemica” insieme all’autrice Carmen Cardillo e ai fotografi Carmelo Nicosia, Roberta Baldaro e Antonello Ferrara.
“Endemica” di Carmen Cardillo, esplora un archivio fotografico di famiglia degli anni 50 attraverso l’analisi di frammenti di immagini che catturano momenti di una femminilità inconscia, ma palpabile. L’autrice si sofferma su particolari, come un gioco di gambe, che evocano una presenza femminile vissuta.

Questi frammenti vengono sovrapposti a fotografie di piante ed erbe scattate rasoterra con una prospettiva dal basso verso l’alto. Le immagini si fondono con le parole tratte da “L’estinzione”, una poesia di Angelo Scandurra, dando vita a un dialogo enigmatico.

La carta del libro leggera e trasparente crea un gioco di stratificazioni visive che aggiungono profondità visiva. Le copertine del libro sono copie uniche di ginestra realizzate in cyanotipia.

Il libro è stato autoprodotto dall’autrice, il progetto grafico è curato da Samantha Torrisi e la stampa da Massimiliano D’Angelo, IM Digital.

La partecipazione all’evento è gratuita.


Comunicato stampa
curato da Roberta Guarnera
robertagartwork@gmail.com

Milano: “Visions of Catalonia – Designing Craft” l’esposizione dei più grandi artisti catalani

Presentiamo “Visions of Catalonia – Designing Craft”, lo straordinario evento che ha portato le opere dei principali designer catalani in giro per il mondo, ottenendo un ottimo riscontro anche a Milano durante la Design Week 2024. Le 24 opere presentate sono all’insegna della sostenibilità, dell’innovazione e dell’impegno sociale guardando al futuro ma rendendo onore al passato.

“VISIONS OF CATALONIA – DESIGNING CRAFT”:
IL GRANDE SUCCESSO DELL’ARTIGIANATO DI DESIGN CATALANO
PRESENTATO PER LA PRIMA VOLTA ALLA MILANO DESIGN WEEK

L’artigianato catalano è stato tra i principali protagonisti della Milano Design Week 2024 grazie a “Visions of Catalonia – Designing Craft”, l’esposizione volta a promuovere la sostenibilità, l’estro e l’impegno sociale dei più grandi artisti catalani.
Dopo il grande successo ottenuto con la sua partecipazione alla Dubai Design Week dello scorso novembre, “Visions of Catalonia – Designing Craft” ha deciso di presentare le sue opere a Milano in occasione della 62esima edizione del Salone del Mobile, la fiera di design più rinomata a livello mondiale.

L’esposizione è stata promossa dal Governo della Generalitat di Catalogna per mezzo del Consorci de Comerç, Artesania i Moda (CCAM) del Dipartimento di Impresa e Lavoro che, attraverso una competizione internazionale, ha selezionato le 24 opere più rappresentative create da professionisti del mondo dell’artigianato e del design catalano.

Le 24 straordinarie proposte che sono state selezionate per l’esposizione sono opera di designer celebri stimati in tutto il mondo come Quim Larrea, Óscar Tusquets, Miquel Milà e di artisti emergenti dal talento ineguagliabile come Wolf & Miu, Mosaics Marti e Jordi Canudas Faura.

Aperta al pubblico dal 16 al 21 aprile, “Visions of Catalonia – Designing Craft” si è tenuta allo spazio Sirtori 26, nel cuore dell’elegante Porta Venezia Design District, dove artisti e appassionati di design sono giunti proprio per ammirare le straordinarie opere catalane. Artigianato e design si incontrano in questa esposizione, creando oggetti eleganti di carattere domestico come brocche, macchine per il caffè, lampade e sgabelli che hanno riscosso un ottimo riscontro da parte del pubblico meneghino ed europeo: più di 5000 visitatori.

Affiancando la mostra “Inspired in Barcelona”, “Visions of Catalonia – Designing Craft” ha colpito particolarmente per il suo focus su fattori new age come il risparmio energetico, l’uso di materie prime di prossimità, l’alta durabilità dei prodotti e processi di produzione con residuo zero volti alla salvaguardia del pianeta: guardando al futuro e rendendo onore al passato.


L’esposizione Visions of Catalonia. Designing Crafts nasce dalla II Biennale dell’Artigianato Catalano, iniziativa promossa dal Governo della Catalogna, presentata lo scorso luglio 2023, con l’obiettivo di posizionare ed esportare il talento degli artigiani e artisti della Catalogna nel mondo, nonché di potenziare la loro commercializzazione e aprire il settore a nuovi mercati internazionali. La II edizione, dedicata alla relazione tra artigianato contemporaneo e design, consiste nell’esposizione ” Visions of Catalonia. Designing Crafts”, un catalogo e un sito web che raccoglie gli artigiani e le designer con le loro opere più recenti.


Per ulteriori informazioni:
 
Ufficio Stampa                                              
Agenzia Guardans Cambó
Via San Damiano, 9 – 20122 Milano            
tel. 02 43990159                                          
press@guardanscambo.com

Duino Aurisina (Ts): alla Portopiccolo Art Gallery di Sistiana “Nel ventre della Cava – L’antico mare”

Dopo il successo della passeggiata nella cava di Repen, il progetto Carso Creat(T)ivo, promosso dall’Associazione culturale Casa C.A.V.E. e finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia – direzione artistica Maddalena Giuffrida, co-ideazione Fabiola Faidiga e Sara Famiani – continua con l’inaugurazione della mostra di manifesti fotografici “Nel ventre della Cava – L’antico mare“, alla Portopiccolo Art Gallery di Sistiana, a Duino Aurisina (Ts), nell’ambito del festival MAREinFVG.

“Nel ventre della Cava – L’antico mare”

Inaugurazione della mostra di manifesti fotografici
di Maria Cristina Marzola e Giulia Venus

Sabato 11 maggio, alle ore 18.00, alla Portopiccolo Art Gallery di Sistiana, a Duino Aurisina (Ts).

Sabato 11 maggio, alle ore 18.00, Fabiola Faidiga presenterà le opere di Maria Cristina Marzola e Giulia Venus, artiste appartenenti a generazioni diverse, ma con una grande e affine passione per la fotografia. Le artiste hanno sperimentato il progetto nello stupefacente bacino marmifero della Cava Romana di Aurisina, un antico mare, nel cui ventre il lavoro umano ha scavato la pietra carsica, esportata in tutto il mondo.

Maria Cristina Marzola accoglie la sfida di realizzare un reportage concettuale che racconta la passeggiata natur-artistica, con performance poetica, organizzata nella secolare cava, nell’aprile 2024. “Le sue foto” – afferma Fabiola Faidiga – “sono principalmente analogiche e, con personale processo ideativo, l’artista crea esposizioni multiple che registrano il “respiro sacro” della pietra e le sue trasformazioni. Giulia Venus ci offre uno sguardo intimo e contemplativo sulla bellezza e maestosità della roccia, come tela sulla quale il tempo ha dipinto storie millenarie. In questo affascinante contesto, la sua modella, Rouge Maudit, si inserisce come interprete dell’arte che prende vita dalla pietra, incarnando la fusione tra materia e spirito, tra natura e creatività umana. Un viaggio senza tempo che celebra il profondo ventre della cava e la sua potente simbologia femminile”.

La mostra – che rientra anche nella rassegna MareFVG – è visitabile fino al 19 giugno, con orario: venerdì e sabato dalle 17.00-20.00, domenica dalle 10.00-13.00 / 17.00-20.00 o su appuntamento +39 338 6045489.


Aps comunicazione Snc
di Aldo Poduie e Federica Zar
viale Miramare, 17 • 34135 Trieste
Tel. e Fax +39 040 410.910
zar@apscom.it

Anche Does tra i protagonisti di Uppercut, il block party dedicato alla cultura Hip-Hop a Roma

Al via domenica 12 maggio Uppercut, la prima edizione del block party dedicato alla cultura Hip-Hop tra musicaarte e danza pensato per celebrare le discipline che hanno reso famosa quest’arte nel mondo. Negli spazi del Monk un festival che coinvolge molte realtà dell’underground nazionale e internazionale, pensato per creare un hub di confronto per gli artisti, come per il pubblico. Dai laboratori per i più piccoli agli stand d’autore di urban artist, dagli spettacoli di break dance ai concerti e DJ set.

Anche Does tra i protagonisti di Uppercut, il block party dedicato alla cultura Hip-Hop a Roma

Il programma parte dalla mattina il live painting non stop dalle 11 alle 21 a cui parteciperanno quattro tra i writer più stimati nel mondo dell’arte. Does con i suoi disegni e dipinti celebri per richiamare le radici del lettering 3D, si concentra su una paziente ricerca di schemi di colore ben equilibrati e sul controllo della precisione dei contorni. Zeus40 è un artista campano attivo dai primi anni 2000. Ha tratto ispirazione dai graffiti del circondario napoletano, fino a collaborare alla scenografia del film “L’Amico di famiglia” del regista Paolo Sorrentino. Fabrizio De Tommaso docente della scuola internazionale di Comics a Roma e attualmente lavora per diversi editori Sergio Bonelli, Marvel e Disney. Drak e 180 All Stars è un collettivo di writers che insieme esplorano il mondo dei graffiti, del graphic design, dell’illustrazione e di tutte le sfaccettature dell’arte urbana.

Dalle 11 alle 21 saranno a disposizione del pubblico vari stand con esposizione di oggetti artistici come dioramaposterstampe e la possibilità di customizzare le proprie sneakers. Dalle 11 alle 19 il laboratorio per bambini a cura dell’Associazione Per Fare un Gioco, dove i più piccoli saranno accompagnati della colorazione di piccoli animali di cartapesta. Dalle 11 alle 13 il laboratorio di stencil art a cura del writer LA180, mentre dalle 14:30 alle 16:30 è in programma il laboratorio di calligrafia con il writer Daniele Tozzi. Dalle 15 alle 17 il laboratorio dedicato ai bambini dove sarà possibile realizzare passo dopo un passo un mosaico. Dalle 16:30 alle 17:30 spazio alla danza con il laboratorio di break dance a cura della crew Wild Up. Dalle 17:30 alle 19 sonorizzazioni a cura di DJ Gafeto e lo spettacolo di ballo Hip-Hop con la crew Wild Up. Dalle 19 alle 20 selezioni Hip-Hop a cura di DJ Seiv, mentre dalle 20 alle 21 sarà protagonista l’afrobeat di DJ Koba.

La seconda parte serale dell’evento prevede concerti e DJ set, dalle 21.30 il live del rapper romano Lord Madness che assieme al DJ Promo L’Inverso presenterà dal vivo i brani del suo ultimo album Heath Ledger. Celebre per le sue capacità tecniche e per il suo acuto sarcasmo, Lord Madness è un MC dalle rime e dagli incastri taglienti, che scorrono un low mozzafiato con i beat e le sonorità del rap old school ma aperto al presente.

A seguire il concerto di Don Ciccio con Mama Marjas. DJ, produttore e conduttore radiofonico, Don Ciccio è uno dei pionieri della black music in Italia dai primi anni ’90. Mama Marjas è una delle voci più apprezzate del panorama reggae, roots e R&B nazionale. Sul palco di Uppercut porteranno il meglio dei loro successi che in coppia hanno già presentato dal vivo nei più importanti club e festival internazionali.

In chiusura l’esibizione di DJ Craim, un pilastro della scena rap italiana. Produttore e virtuoso del turntablism, ha collaborato negli anni con artisti del calibro di Colle der Fomento e Kaos One. La sua ultima fatica è stata la produzione dell’ultimo album di Nex Cassel “Fegato”. Durante l’evento il meglio delle sonorità Hip-Hop tra beat e scratch con lo stile che ha sempre contraddistinto la sua carriera.
Il progetto è vincitore dell’Avviso Pubblico “finalizzato alla raccolta di Proposte progettuali per la realizzazione di eventi, manifestazioni, iniziative e progetti di interesse per l’Amministrazione capitolina di rilevanza cittadina” promosso da Roma Capitale in collaborazione con Zètema Progetto Cultura.

Uppercut
Domenica 12 maggio
Dalle 11 alle 24
Monk
Via Giuseppe Mirri, 35 – Roma
Ingresso libero fino alle 20, a seguire Euro 10

https://www.instagram.com/uppercutfest/

Ufficio Stampa Nextpress
Luca Bramanti
l.bramanti@nextpress.it 

Frammenti di… Museo archeologico nazionale della Lomellina – Seconda edizione

Torna anche per il 2024 “Frammenti di… Museo archeologico nazionale della Lomellina“, il ciclo di incontri dedicati all’approfondimento di temi e reperti del Museo archeologico nazionale della Lomellina. Ogni mese, un sabato mattina, verrà offerta al pubblico una visita tematica condotta dal personale del museo per scoprire, riscoprire o approfondire il ricco patrimonio archeologico conservato ed esposto nelle sale. 

FRAMMENTI DI… MUSEO ARCHEOLOGICO DELLA LOMELLINA 
Un ciclo di visite tematiche alla scoperta del museo e delle sue collezioni 
Seconda edizione 2024 

Come avvenivano gli scambi nell’antichità e a cosa si dava valore? Quali sono stati i momenti cruciali nella storia della Lomellina? Cosa si intende per stratigrafia archeologica e come può essere utilizzata per “leggere” le murature del castello? Questi sono solo alcuni degli argomenti che affronteremo negli incontri e che ci permetteranno, come frammenti ricomposti, di conoscere e apprezzare in maniera più approfondita le civiltà antiche del territorio. 

Attività gratuite con prenotazione obbligatoria a 
drm-lom.archeovigevano@cultura.gov.it 
o al 0381. 72940 (indicando le giornate di interesse). 

Le visite saranno condotte da Stefania Bossi, Vasco Calabrese, Luca Polidoro, Claudia Ester Paola Tomaselli. 

CALENDARIO 
4 maggio FRAMMENTI DI… MUSEO ARCHEOLOGICO DELLA LOMELLINA 
DAL BARATTO ALLA MONETA – Un viaggio alla scoperta della valuta di cambio nell’antichità 
A cosa si dava valore?  Come funzionavano gli scambi? A partire dal concetto di valore e dalla sua origine, durante la visita ripercorreremo i diversi sistemi di pagamento in epoca protostorica e romana. Sarà l’occasione anche per approfondire le varie funzioni svolte delle monete, oltre al comprare e accumulare. 
 
1 giugno FRAMMENTI DI… MUSEO ARCHEOLOGICO DELLA LOMELLINA 
CRONOLOGIA DEL CAMBIAMENTO: evidenze archeologiche dei momenti di 
passaggio nella storia 
Esistono date più importanti di altre? Attraverso l’osservazione di alcuni dei reperti esposti, la visita si soffermerà sui momenti di transizione della storia della Lomellina, dalla neolitizzazione all’arrivo dei Romani. 
 
6 luglio FRAMMENTI DI… MUSEO ARCHEOLOGICO DELLA LOMELLINA 
I GRANDI ASSENTI: legno, tessuti e reperti organici 
Alcuni oggetti dell’antichità non sono giunti fino a noi, perché realizzati in materiale deperibile. La visita si soffermerà sulle tracce materiali e su quelle “in negativo” di tali oggetti, dando cittadinanza alla grande mole di reperti deperibili mai giunti fino a noi (le suole delle scarpe di cui si conservano solo i chiodini, i letti funebri in legno combusti ad eccezione dei fulcra, i foderi delle spade, …) 
 
3 agosto FRAMMENTI DI… MUSEO ARCHEOLOGICO DELLA LOMELLINA 
IL MUSEO PER ANEDDOTI: tra storia, mito e pettegolezzi 
La storia sa essere una materia difficile da studiare: passa per noiosa e lontana, un insieme di date e dati. Prendendo spunto dai reperti del Museo proveremo insieme a entrare nei piccoli racconti che rendono gli avvenimenti del passato vivi, umani e, spesso, anche divertenti. 
 
14 settembre FRAMMENTI DI… MUSEO ARCHEOLOGICO DELLA LOMELLINA 
STRATO SU STRATO – Il metodo stratigrafico in architettura  
In archeologia il metodo stratigrafico è fondamentale per condurre lo scavo, ma – più recentemente – la stratigrafia è stata applicata con successo anche sugli edifici storici. Uno studente universitario e un architetto ci aiuteranno a comprenderne le logiche e l’utilità attraverso alcuni oggetti e strutture del Museo. 
 
5 ottobre FRAMMENTI DI… MUSEO ARCHEOLOGICO DELLA LOMELLINA 
SCRIPTA MANENT? 
In epoca romana scrivere era più diffuso di quanto oggi potremmo immaginare e non sono per realizzare libri, ma anche per mandare messaggi ed apporre etichette sui prodotti commerciali e indicazioni sui monumenti. Attraverso gli oggetti esposti in Museo scopriremo come si debba proprio ai Romani l’alfabeto che ancora usiamo tutti i giorni.  

Ufficio comunicazione 
drm-lom.archeovigevano@cultura.gov.it
www.museilombardia.cultura.gov.it 
 
Ufficio Stampa: STUDIO ESSECI – Sergio Campagnolo 
Tel. 049 663499 
roberta@studioesseci.net, referente Roberta Barbaro 

“MASTERPIECE. Sulle tracce della meraviglia” – In onda la 5° puntata della nuova Docu-serie

A seguito del clamoroso successo riscontrato e del sorprendente numero di telespettatori, il viaggio alla scoperta dell’arte contemporanea internazionale volge al termine con la messa in onda dell’ultima puntata della prima stagione di “MASTERPIECE. Sulle tracce della meraviglia”, la Docu-serie condotta da Raffaele Quattrone che andrà in onda in anteprima il 12 maggio alle ore 11.00 su “Documentando. Archivio del Documentario Italiano”, la piattaforma digitale di conservazione e visione dei documentari italiani, ad accesso libero senza restrizioni territoriali, ideata dall’Associazione D.E-R Documentaristi Emilia Romagna Aps in collaborazione con Emilia-Romagna Film Commission e Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. Dopo questa anteprima, la Docu-serie sarà trasmessa su una rete nazionale.

MASTERPIECE
Sulle tracce della meraviglia
 
L’ultima puntata in onda domenica 12 maggio ore 11.00
con Anri Sala e Marinella Senatore

Dal 7 aprile 2024, ogni domenica alle ore 11.00
“Documentando, Archivio del documentario italiano”
www.documentando.org

Il titolo dell’ultimo episodio – introdotto come sempre dai sociologi Manuela Marchetti e Tiziano Bordoni del dipartimento Emilia Romagna dell’Associazione Nazionale Sociologi – è “Trasformazione” e vedrà l’eccezionale partecipazione di due artisti multidisciplinari conosciuti in tutto il mondo: Anri Sala e Marinella Senatore.  Anche per la puntata finale, la Real Academia de España en Roma si riconferma la location perfetta per accogliere i nostri viaggiatori, con la sua vista mozzafiato che da 150 anni rende questo luogo ancora oggi estremamente contemporaneo, continuando ad ospitare operatori culturali internazionali e organizzando mostre, convegni e concerti con entrata gratuita. Se avete amato gli episodi precedenti non potete assolutamente perdervi questo nuovo appuntamento!

Puoi accedere alla visione andando sul sito www.documentando.org oppure direttamente dall’app tramite smartphone e tablet.


Dall’Hotel de la Ville, gioiello Rocco Forte Hotels ed iconico palazzo settecentesco che svetta in cima a Trinità dei Monti, ispirato proprio al Grand Tour, utilizzando una bici – simbolo di libertà, emancipazione femminile, sostenibilità ambientale – interamente fatta a mano, realizzata ad hoc da Scatto Italiano, Raffaele insieme agli Amici di Masterpiece, Stefano Paiano, Giulia Santullo, Arianna Sarghini e Carola Tangari, e all’assistente al ricercatore di meraviglie,  Christopher DiCas, raggiungono la Real Academia de España en Roma.

Attraverso un linguaggio semplice e coinvolgente, la Docu-serie si presenta come un viaggio alla scoperta dell’arte contemporanea internazionale con il coinvolgimento di numerosi importanti artisti provenienti da tutto il mondo quali Shirin Neshat, Imran Qureshi, Bertozzi & Casoni, Michelangelo Pistoletto, Vanessa Beecroft, Jeff Koons, Alberto Di Fabio, Mona Hatoum, Marinella Senatore Anri Sala, che hanno collaborato direttamente con Quattrone alla scrittura degli episodi. Nato in piena pandemia, in un periodo nel quale era vietato spostarsi, “MASTERPIECE. Sulle tracce della meraviglia” è un’esplorazione del panorama artistico contemporaneo più recente, con i piedi piantati in Italia ed in particolare a Roma in quanto realtà ancora attuali, capaci di influenzare presente e futuro.

In questo percorso, Quattrone – che ha scritto il progetto con il supporto di Alessandro Moreschini e Livia Savorelli – ha coinvolto Piero Passaro come regista ed ideatore del progetto visivo, Bad Toast Production per la produzione esecutiva, Francesco Quiriconi per le musiche originali, Marcorea Orea Malià come Hair Designer and Make up Artist e poi Espoarte, Contemporary Art MagazineHotel de la Ville (Rocco Forte Hotels), ikonoTV, Associazione Nazionale Sociologi Dipartimento Emilia Romagna e la Real Academia de España en Roma, oltre ad una serie di realtà italiane portatrici della filosofia del Made in Italy nel mondo e di riviste di arte contemporanea che hanno accettato di diventare media partner dell’iniziativa, tra le quali Art a part of cult(ure), Artapp, Artuu, Magazine, Exibart, Frammenti Rivista, Insideart, Yogurt Magazine, Segno.

Puoi accedere alla visione andando sul sito www.documentando.org oppure direttamente dall’app tramite smartphone e tablet.


INFORMAZIONI UTILI
TITOLO: MASTERPIECE. Sulle tracce della meraviglia
TIPOLOGIA: Docu-serie (programma documentaristico)
PUNTATE: 5 puntate + 1 puntata di lancio
DOVE SI PUO’ VEDERE: “Documentando, Archivio del documentario italiano”, piattaforma digitale di conservazione e visione dei documentari italiani, ad accesso libero senza restrizioni territoriali. Puoi accedere alla visione andando sul sito www.documentando.org oppure direttamente dall’app scaricabile gratuitamente su App Store e Google Play, tramite smartphone e tablet.
 
QUANDO: dal 7 aprile 2024, ogni domenica alle ore 11.00
FORMATO: 4k
LINGUA: Italiano
PRESENTATORE: Raffaele Quattrone
AUTORI: Raffaele Quattrone con il supporto di Alessandro Moreschini e Livia Savorelli
CAST: Christopher DiCas, Stefano Paiano, Giulia Santullo, Arianna Sarghini, Carola Tangari
ARTISTI COINVOLTI: Vanessa Beecroft, Bertozzi e Casoni, Alberto Di Fabio, Mona Hatoum, Jeff Koons, Shirin Neshat, Michelangelo Pistoletto, Imran Qureshi, Anri Sala, Marinella Senatore
REGISTA: Piero Passaro
PRODUZIONE ESECUTIVA: Bad Toast Production
LUOGHI DI REGISTRAZIONE: Hotel de la Ville, Real Academia de España en Roma, Rhinoceros
 
CONTATTI
SITO: www.masterpieceofficial.art
FACEBOOK: www.facebook.com/Masterpiece_official
INSTAGRAM: www.instagram.com/masterpiece_officialpage
TWITTER: www.twitter.com/masterpiecepage
 
UFFICIO STAMPA: CULTURALIA DI NORMA WALTMANN

Culturalia

051 6569105 – 392 2527126             
info@culturaliart.com
www.culturaliart.com
Facebook: Culturalia 
Instagram: Culturalia_comunicare_arte
Linkedin: Culturalia di Norma Waltmann  
Youtube: Culturalia