ARCHIVIFUTURI Festival degli Archivi del Contemporaneo terza edizione

Un programma lungo un intero mese, ricco di mostre, spettacoli dal vivo, laboratori e attività, aperture straordinarie di archivi d’artista, diffuso tra la provincia di Varese, i Laghi e l’Alto milanese.

La manifestazione, organizzata dalla Rete Archivi del Contemporaneo, di cui è capofila il MA*GA di Gallarate, col sostegno di Fondazione Cariplo, coinvolge 19 tra musei, archivi e case museo, dove scoprire l’arte italiana dal secondo dopoguerra a oggi.

Partecipano alla iniziativa:

Museo MA*GA (Gallarate), Museo Bodini (Gemonio), Il Borgo di Lucio Fontana (Comabbio), Museo MIDeC (Cerro di Laveno Mombello), Fondazione Sangregorio (Sesto Calende), Casa Testori (Novate Milanese), Atelier Vittore Frattini (Varese), Archivio Missoni (Sumirago), Fondazione Morandini (Varese), Museo Pagani (Castellanza), Fondazione Angelo Bozzola (Galliate), Casa studio Enrico Baj (Vergiate), Museo Volandia (Somma Lombardo), Chiostro di Voltorre (Gavirate), Civico Museo Parisi Valle (Maccagno con Pino e Veddasca), [MAP] Museo Arte Plastica (Castiglione Olona), Museo Butti (Viggiù), Fondazione Museo Agusta (Cascina Costa di Samarate) Studio Mario da Corgeno (Corgeno di Vergiate).

7 GIUGNO – 7 LUGLIO 2024
 
ARCHIVIFUTURI
Festival degli Archivi del Contemporaneo
terza edizione

Dopo il successo delle prime due edizioni, dal 7 giugno al 7 luglio 2024 si rinnova il consueto appuntamento con ARCHIVIFUTURI. Festival degli Archivi del Contemporaneo, in un territorio compreso tra l’alto milanese e la provincia di Varese, fino ai laghi e il confine svizzero.
Una occasione unica per scoprire il patrimonio culturale del XX e XXI secolo sviluppato in un’ampia area geografica eletta da importanti artisti contemporanei quale luogo privilegiato per la ricerca, la produzione artistica e caratterizzata dalla presenza di musei, fondazioni, case museo e archivi a loro dedicati.

ARCHIVIFUTURI, organizzata dalla Rete Archivi del Contemporaneo, di cui è capofila il MA*GA di Gallarate, è sostenuta da Fondazione Cariplo nell’ambito di Emblematici Provinciali – progetto Switch on. Live arts and community festival con il supporto di Fondazione Comunitaria del Varesotto.

Con l’obiettivo strategico di consolidare e proiettare nel futuro la rete Archivi Del Contemporaneo, anche in questa terza edizione del Festival sono stati coinvolti nuovi enti che si fanno promotori dei valori di integrazione e cooperazione tra istituzioni, arricchimento culturale e valorizzazione territoriale, mirando ad inserirsi stabilmente come partner del network.

Per un mese intero, il Festival propone un ricco calendario di mostre, laboratori e attività per i ragazzi e per le famiglie, visite agli studi d’artista, spettacoli teatrali e concerti, ospitato da importanti istituzioni del territorio, come il Museo MA*GA (Gallarate), il Museo Bodini (Gemonio), Il Borgo di Lucio Fontana (Comabbio), Museo MIDeC (Cerro di Laveno Mombello), Fondazione Sangregorio (Sesto Calende), Casa Testori (Novate Milanese), Atelier Vittore Frattini (Varese), Archivio Missoni (Sumirago), Fondazione Morandini (Varese), Museo Pagani (Castellanza), Fondazione Angelo Bozzola (Galliate), Casa studio Enrico Baj (Vergiate), Museo Volandia (Somma Lombardo), Chiostro di Voltorre (Gavirate), Civico Museo Parisi Valle (Maccagno con Pino e Veddasca), [MAP] Museo Arte Plastica (Castiglione Olona), Museo Butti (Viggiù), Fondazione Museo Agusta (Cascina Costa di Samarate), Studio Mario da Corgeno (Corgeno di Vergiate).

Nella giornata inaugurale di venerdì 7 giugno, il MA*GA di Gallarate accoglie quattro appuntamenti a ingresso gratuito: la Masterclass “A ritmo di telaio”, inserita nel programma di INTRECCI#3 alla scoperta della tessitura e dello stile Missoni (ore 16.00); la presentazione degli “Atti del Corso di Alta Formazione per gli Archivi del Contemporaneo”, esito dell’azione 2021 della rete Archivi del Contemporaneo (ore 18.00); la visita guidata alle mostre in corso, con particolare attenzione alle rassegne Vittorio Tavernari. Vorrei scolpire l’universo, dedicata alla recente acquisizione dell’Archivio Tavernari da parte del MA*GA, e FASHION ILLUSTRATION, a cura dell’Archivio Missoni e allestita nella Sala Arazzi Ottavio Missoni (ore 19.00); il dj-set Prospettive Musicali Live, a cura di Gigi Longo conduttore della storica trasmissione di Radio Popolare (dalle ore 20.00).

Sabato 8 giugno torna il tour di ARCHIVIFUTURI, un itinerario organizzato in bus alla scoperta di tre luoghi dell’arte inediti per il Festival: il Museo Parisi Valle di Maccagno, lo Studio di Mario da Corgeno e la Casa Studio Enrico Baj di Vergiate.

Partenza dal MA*GA alle ore 9.30; rientro ore 19.00. Costo partecipazione € 10.00 (gratuito fino a 10 anni); prenotazioni a biglietteria@museomaga.it

Molto interessanti sono anche le proposte didattiche, studiate per bambini, adulti e famiglie. Tra queste, Storie e manifatture. Visite a merenda (per bambini dai 5 ai 10 anni; Cerro di Laveno Mombello, Museo MIDeC, sabato 15 giugno, ore 16.30), Ombraluce, dedicata allo scultore Vittorio Tavernari e al suo archivio (per famiglie e bambini dai 6 ai 10 anni; Gallarate, Museo MA*GA, domenica 16 giugno, ore 15.30), il workshop di ceramica per adulti con la partecipazione di Sara Dalla Costa (Cerro di Laveno Mombello, Museo MIDeC, venerdì 21 giugno e venerdì 5 luglio, ore 14.30).

Le sedi degli enti coinvolti si trasformeranno in palcoscenici pronti ad accogliere musica, teatro, e molto altro ancora, come il concerto del Duo Iberico (Giacomo Arfacchia e Nicolas Bourdoncle), che propone un’interpretazione di brani di compositori contemporanei, dalla metà del Novecento ai giorni nostri (Gallarate, Museo MA*GA, sabato 22 giugno, ore 21.00), quello di Cesare Picco, pianista, improvvisatore e compositore che presenta il suo album Sky Tales (Cerro di Laveno Mombello, Museo MIDeC, sabato 15 giugno, ore 17.00), la passeggiata musicale tra le opere d’arte della Fondazione Sangregorio di Sesto Calende accompagnata da brani eseguiti con l’arpa celtica, la fisarmonica e il flauto traverso (giovedì 20 giugno, ore 19.00); ancora, lo spettacolo teatrale Di Franca in Franca… la comicità è donna che propone un viaggio nel mondo di Franca Rame e Franca Valeri (Cerro di Laveno Mombello, Museo MIDeC, domenica 23 giugno, ore 21.00), l’esibizione dell’ensemble jazz italiano We Kids Quintet (Gemonio, Museo Floriano Bodini, mercoledì 3 luglio, ore 21.00).

In concomitanza con gli appuntamenti di ARCHIVIFUTURI, al MA*GA tornano le consuete serate in musica di Estate all’HIC, la rassegna estiva promossa da Città di Gallarate che quest’anno propone un programma eclettico: la celebrazione dei 50 anni di attività della Treves Blues Band (venerdì 14 giugno, ore 21.00; ingresso € 15,00 acquisto su Ticketone.it), il concerto lirico sinfonico Progetto Verdi, con l’Orchestra Filarmonica Europea di Gallarate e la Corale Lirica Ambrosiana, diretto dal M° Marcello Pennuto (sabato 6 luglio, ore 21.00; ingresso €10,00/€6,00 fino a 21 anni, acquisto in loco), e lo spettacolo Un pianista sull’oceano con Lorenzo Bovitutti e il Quintetto Placard dell’Accademia del Teatro alla Scala di Milano (sabato 13 luglio, ore 21.00; ingresso €10,00/€6,00 fino a 21 anni, acquisto in loco).

Per il programma dettagliato di ARCHIVIFUTURI e le informazioni: museomaga.it


Il Festival ARCHIVIFUTURI è stato inaugurato nel 2022 come una delle azioni del progetto ARCHIVI DEL CONTEMPORANEO. LOMBARDIA TERRA D’ARTISTI, il cui studio di fattibilità era stato sostenuto nel 2018 da Fondazione Cariplo ed è stato premiato e finanziato tra i vincitori del bando di Regione Lombardia PIC – Piani Integrati della Cultura. Con la creazione del network ARCHIVI DEL CONTEMPORANEO. LOMBARDIA TERRE D’ARTISTI (2021-2022), sono state poste le basi di una collaborazione sinergica tra enti volta a collegare le istituzioni museali e culturali già attive sul territorio dell’alto milanese e della provincia di Varese con gli Archivi d’artista, le case museo, gli studi ancora visitabili, svolgendo un’azione strategica di promozione mediante un’attività di valorizzazione a beneficio del territorio dal punto di vista sociale, ambientale, turistico e anche economico.

Le sedi del Festival

Museo MA*GA, Archivio Missoni, Casa Testori, Fondazione Morandini, Fondazione Sangregorio, Il Borgo di Lucio Fontana, Museo Floriano Bodini, Museo MIDeC, Atelier Vittore Frattini, Casa Studio Enrico Baj, Chiostro di Voltorre, Civico Museo Parisi Valle, Fondazione Angelo Bozzola, Fondazione Museo Agusta, [MAP] Museo Arte Plastica, Museo Butti, Museo Pagani, Museo Volandia, Studio Mario da Corgeno.

Partner di progetto

Museo MA*GA, Museo Civico Floriano Bodini, il Borgo di Lucio Fontana, Associazione Archivio Franco Fossa, MIDeC, Premio Gallarate, Fondazione Sangregorio, Associazione Giovanni Testori, Associazione Archivio Silvio Zanella e Lilliana Bianchi, Associazione Festival Comicità Luino, Associazione Area 101, Associazione Musicale G. Rossini ETS


FESTIVAL ARCHIVIFUTURI
7 giugno – 7 luglio 2024
 
Programma su museomaga.it
 
Informazioni
museomaga.it
archividelcontemporaneo@museomaga.it
T +39 0331 706033
#archivifuturi
 
Ufficio stampa
CLP Relazioni Pubbliche
Clara Cervia | T +39 02 36755700
clara.cervia@clp1968.it | www.clp1968.it
 

Save The Date: torna la manifestazione “VERDE GRAZZANO”

Torna Verde Grazzano, la manifestazione dedicata al verde e alla creatività che si svolge nel bellissimo parco del castello di Grazzano Visconti.
Ispirata dalla natura, è il nuovo punto di riferimento per gli appassionati del verde, del vivere all’aria aperta e del giardinaggio.
Verde Grazzano è tutto questo: espositori provenienti da tutta Italia, laboratori coinvolgenti e approfondimenti a tema verde ma anche l’occasione per visitare uno dei borghi più belli dell’Emilia Romagna.

Ti aspettiamo a Grazzano Visconti dal 27 al 29 settembre 2024: vieni a scoprire un verde mai visto prima!

Guarda il video!


Ufficio Stampa
STUDIO ESSECI – Sergio Campagnolo
Via San Mattia 16, 35121 Padova
Tel. +39.049.663499
www.studioesseci.net
info@studioesseci.net 

A Carbognano (Viterbo), la prima edizione di Tracce sparse a Carbognano

Il 15 e 16 giugno 2024 apre a Carbognano, borgo in provincia di Viterbo, la prima edizione di Tracce sparse a Carbognano, da un’idea di Daniela Perego, a cura di Paolo Angelosanto, MicroMuseo di Arte Contemporanea della Tuscia, Daniela Perego e Sculture in Campo – Parco di Scultura Contemporanea, con il patrocinio del Comune di Carbognano e della Pro Loco di Carbognano.

Il progetto verrà presentato il 15 giugno 2024 alle ore 12.00 presso la Chiesa di Santa Maria, alla presenza delle istituzioni, dei curatori – Paolo Angelosanto, Antonio Arevalo, Lucilla Catania e Daniela Perego – e degli artisti coinvolti.

TRACCE SPARSE A CARBOGNANO 2024
I edizione

A cura di
Paolo Angelosanto, MicroMuseo di Arte Contemporanea della Tuscia
Daniela Perego, Sculture in Campo – Parco di Scultura Contemporanea

15 – 16 giugno 2024 dalle 12.00 alle 21.00
Sedi varie – Carbognano (VT)

Presentazione 15 giugno 2024 ore 12.00
Chiesa di Santa Maria – Carbognano 

Tracce sparse a Carbognano è una mostra itinerantenel centro storico che si snoda in un percorso di opere d’arte realizzate da giovani artisti emergenti operanti nella zona del viterbese, in modo da coinvolgere la comunità locale nell’accoglienza e nel dialogo con l’arte e gli artisti. Nei giorni di inaugurazione sarà possibile percorrere le strade di Carbognano ed incontrare gli interventi di Diletta Amori, Brigdorius, Amedeo Desideri, Eirene, Gabriele Massei, Vanessa Serrano.

Inoltre per questa prima edizione, il giorno di inaugurazione del 15 giugno verrà presentato un grande murales ad opera di Stefania Fabrizi, che approfondirà il tema della violenza di genere.

Il borgo di Carbognano si conferma, così, centro di produzione del contemporaneo, ripercorrendo e continuando una storia pluridecennale, incentrata sulla promozione e la diffusione delle nuove ricerche artistiche, che ha avuto inizio nel 2002 con il progetto Centro per l’Arte Contemporanea di Carbognano, nato da un’idea dell’artista Anna Ajò e che ha coinvolto numerosi artisti di nazionalità e specificità espressive differenti. Con Tracce sparse, come con i progetti che lo hanno preceduto, l’arte contemporanea dialoga, dunque, con la storia e l’architettura: dal Castello Farnese, dimora di Giulia Farnese, personalità di spicco del rinascimento di cui quest’anno ricorre il cinquecentenario della morte, alle numerose chiese cinque e seicentesche, ai vicoli del borgo di origine etrusche.

Le opere rimarranno visibili a Carbognano per un anno intero, fino alla presentazione dell’edizione successiva.


INFO
Tracce sparse a Carbognano 2024
I edizione
A cura di
Paolo Angelosanto, MicroMuseo di Arte Contemporanea della Tuscia, Daniela Perego e Sculture in Campo – Parco di Scultura Contemporanea
Con il patrocinio e il contributo del Comune di Carbognano e della Pro Loco di Carbognano
Artisti: Diletta Amori, Brigdorius, Amedeo Desideri, Eirene, Gabriele Massei, Vanessa Serrano
Con la partecipazione di Stefania Fabrizi

15 – 16 giugno 2024 dalle 12.00 alle 21.00
Sedi varie – Carbognano (VT)


Contatti
Daniela Perego
info@danielaperego.com
www.danielaperego.com

Ufficio Stampa
Roberta Melasecca Melasecca PressOffice – Interno 14 next – blowart
roberta.melasecca@gmail.com